FashionModa

Fuori e dentro il letto – Vestaglia, pigiama e lingerie chic da giorno

posted by ady 26 giugno 2017 0 comments

 

Il fatto è che la sera, quando spengo le luci di casa mio marito non sa più se sono pronta per uscire o per andare a dormire.

La differenza tra notte e giorno, tra letto e strada, tra lenzuola e supermercato a dire il vero non è più chiara proprio a nessuno, vestaglia, pigiama e lingerie sono chic e da giorno.
Non sono più solo gli uomini ad essere disattenti, ma anche noi che ci vantiamo di essere al passo coi tempi potremmo pensare che la vicina dell’altra scala sia scesa solo un attimo in pigiama a portare a spasso il cane e prendere il giornale, mentre in realtà è solo molto più à la page di quello che crediamo.

Qualche tempo fa con un po’ di furbizia e una certa dimestichezza in fatto di moda, potevano instradarti gli accessori. Ad esempio se indossavi una vestaglia ma al piede avevi scarpe di pitone di Aquazzura era certamente una tenuta da prima al San Carlo, se invece avevi addosso un abito da sera in chiffon celeste cielo, e sembravi proprio pronta per un’uscita importante, un paio di ciabattine giapponesi di corda intrecciata e suole di bamboo erano un chiaro look da lenzuola di seta e crema idratante.

Oggi invece il gioco si fa più complicato, perché quando usciamo in look da camera da letto potremmo calzare anche un paio di friulane o sandali Oran di Hermes, e sembrare proprio pronte per puntare la sveglia. Gli accessori non fanno più da spartiacque ma alimentano la confusione.

Anche underwear e beachwear vedono una mescolanza dei ruoli perché se sotto i vestiti vogliamo intimo aderente come body da piscina, in riva al mare sembriamo appena scappate dal letto dell’amante, con bikini bordati di pizzo macramè che potremmo definire intimo da spiaggia.

Dentro o fuori il letto non ha più rilevanza, il must di stagione anzi prevede una perfetta alternanza.

Eppure questa tendenza mi piace perché non è da tutte, ma si sposa bene con eleganza d’animo e portamento bohémien, anzi lo definirei proprio Ubique Chic, per la sua trasversalità d’intenti e di ambienti.

You may also like

Leave a Comment