FashionModaUncategorized

Sole

posted by ady 29 Luglio 2010 7 Comments





C’è un sole che spacca le pietre, la città è desolata. Potremmo essere a passeggio su una spiaggia, potremmo essere a passeggio in un bosco, invece passeggiamo tra nodi scorsoi, cuscini squarciati, filo spinato. Qui l’apocalisse è vicina.Siamo ad una mostra d’arte moderna. Non ho gli strumenti necessari per giudicarla e dunque terrò per me la mia opinione e non aprirò bocca nemmeno per lamentarmi di quanto ormai mi dolgono i piedi. Se osassi lamentarmi lui abbaserebbe lo sguardo e scoprirebbe che ho messo su i sandali nuovi, quelli col tacco 12.
All’uscita dal museo scorgo una bancarella, è come un’oasi nel deserto. Chiedo a mio marito se possiamo fermarci a dargli uno sguardo, un regalino potrebbe rinfrancarmi da tanta fatica, ma prima che lui proferisca parola io sono già arrivata alla meta, più veloce della luce, nonostante il male ai piedi.
La bancarella è un autentica rivelazione, non c’è la solita chincaglieria ma meravigliosi bracciali di artigianato marocchino. La ragazza della bancarella, una moderna hippy dall’aria un pò svagata mi racconta che dopo essere stata in Marocco è andata in India e che tra un pò partirà per il Messico. Mi lascio affascinare dalla girovaga e cerco di convincere mio marito a regalarmi un bracciale.
Lancio uno sguardo al catalogo della mostra che lui ha appena acquistato poi lo guardo con la stessa intensità con cui lo guardai un pomeriggio di qualche anno fa davanti ad un sacerdote, e proferisco le stesse parole: “lo voglio”. Lui piuttosto mi regalerebbe un collier di Bulgari, lo conosco abbastanza per capire che detesta la venditrice, ha cominciato ad odiarla non appena ha aperto bocca, ed ha scoperto che la ragazza appartiene a quello stereotipo di neo hippy, così ben descritta nei film di Verdone. Ma decide di comprarmi il braccialetto per allontanarsi quanto prima da quel posto.
Così ha inizio la trattativa tra lui e la ragazza new hippy.
“Quanto costa?”
“SAREBBERO cinquanta euro…sarebbero fatti a mano”.
” scusa, SAREBBERO o sono?”
” No,cioè, sono fatti a mano”
“mi riferivo ai 50 euro, SAREBBERO o sono?”
“vabbè facciamo 48”,
Mio marito le porge i 50 euro e dice “tieni pure il resto”.
Torniamo a casa in metro, mio marito sfoglia il suo catalogo ed io, finalmente seduta, ammiro il mio bracciale.
“Bello il mio bracciale,vero? secondo me sono soldi ben spesi”.
Lui chiude di colpo il suo libro mi guarda e facendo il verso alla ragazza dice: “SAREBBERO soldi ben spesi se il bracciale fosse d’oro, ma abbiamo preso una sola. Sai che fine farà quel bracciale? finirà prima sul fondo di un cassetto e poi sulla bancarella del mercatino della domenica che fanno i bimbi del quartiere; nostro figlio lo venderà per 50 centesimi ad una vecchia pazza convinta che si tratti di un portatovaglioli”.
“Beh caro, anche il tuo catalogo finirà su quella bancarella, e il marito della vecchia pazza sfogliadolo dirà: e questi SAREBBERO artisti?”
photos by Bruno Dayan and Yann Weber trendista.com

You may also like

7 Comments

giardigno65 29 Luglio 2010 at 7:51 am

erto con quelle foto si fa fatica a capire cosa pubblicizzano !

Reply
il monticiano 29 Luglio 2010 at 8:44 am

Due battute esilaranti, sia quella di tuo marito sia la tua.
Con molta discrezione chiedo: ma non SAREBBE stato meglio andarsene al mare?

Reply
Amaranta 30 Luglio 2010 at 5:33 am

Quello che gli uomini non capiscono è la pulsione del momento, l’istinto irrefrenabile, tutto femminile, della necessità di possedere ciò che irresistibile appare:
L’appagamento è nel posedere oggetto al di là del suo valore reale.
E questo vale per i ninnoli, i vestiti, i quadri, i bracciali……e i mariti!
Ovviamente non mi riferisco la tuo, ma pensa a quanti scapoli in più ci sarebbero se le donne controllassero quel loro istinto di dire: si, lo voglio! 🙂

Io agisco d’istinto, ma faccio casini e poi vengono i sensi di colpa, ma quel braccialetto lo avrei comprato.
Sì, lo voglio!

Questo tuo post, Ady, mi stimola a guardare nei miei cassetti senza eccessivi sensi di colpa.
Marilena

Reply
clau 30 Luglio 2010 at 9:47 pm

gli scontri dialettici all’ interno della coppia ( e non soltanto ) dimostrano quanto importante sia l’ ironia nella vita e il vostro scambio di battute esilarante,arguto e ricco di sfumature denota la grande personalità di entrambi.
Splendido post come sempre!!!
Un mondo di baci!

Reply
Pupottina 1 Agosto 2010 at 2:56 pm

eheheheheh strepitoso questo battibecco con il marito! gli uomini hanno sempre altre priorità…. però è vero che se fosse d’oro lo custodiresti gelosamente, essendo di altro materiale finirà nel fondo di un cassetto e poi tutta l’iter a seguire che hai raccontato…
buona domenica

Reply
La Strega Pazza 1 Agosto 2010 at 2:59 pm

mi piacerebbe sapere lo stesso il tuo giudizio sulla mostra.
in quanto alla figura del marito: caspita che snob!
bello, molto intrigante il racconto.

Reply
PAOLA 2 Agosto 2010 at 6:04 pm

Ciao cara!!
se sei in vacanza ti auguro buon riposo e divertimento,io parto sabato ci si vede nel blog a fine agosto!!
p.s i mariti certe volte hanno ragione,sai quante cose compro e non uso,ho le mani bucate me lo dico da sola,come sempre mi fai piegare da ridere!!
baci Paola

Reply

Leave a Comment