beach style

Beach style: come scegliere outfit chic al mare e in vacanza

Rientrata da pochi giorni da due splendide settimane a Lampedusa, mi  preme molto trattare alcuni aspetti del cosiddetto beach style, e più in generale il bello stile da vacanza.

La vacanza, si sa, è relax, ma riposo non deve per forza essere associato a sciattezza, noncuranza e totale abbattimento degli schemi.

Un colpo di spazzola e un filo di burrocacao non comportano eccessivo esborso di fatica e assieme ad altri pochi gesti ci rendono più belle e femminili sia ai nostri occhi che a quelli dei nostri vicini di ombrellone o di aperitivo sulla spiaggia.

Quest’anno per il mio beach style sul bagnasciuga ho optato per camicioni di lino o cotone, bianchi o di colore pastello, che oltre ad essere più freschi di succinti abitini stretch, sono a mio avviso più raffinati, più semplici da indossare ed evocativi della leggerezza di stile che imperava negli anni ’60.

Se si desiderano outfit estivi che esaltino un pò di più le forme, può essere simpatico giocare con short stretti, abbinati a canottierine o camiciette più corte, ma sempre rigorosamente larghe, quasi a palloncino. L’effetto volutamente morbido crea dinamismo visivo, nasconde eventuali imperfezioni ed è molto molto chic in estate.

Personalmente, non amo il trucco in spiaggia, ma se proprio non si riesce a uscire di casa senza, vi prego di prediligere toni neutri, finti maquillage: reputo molto volgare una bocca fucsia o un ombretto viola in riva al mare!

Il beach style non va d’accordo con il make-up!

Abolite gli zaini primo giorno di scuola: uccidono qualsiasi look, coprendolo, oltre che tutto il vostro charme.

Via libera a borse di paglia, a sacchi di stoffa colorata oppure a una bag di lusso, ormai molto più distintiva in spiaggia che in città, data l’inflazione. Una certa eleganza sulla sabbia passa anche per questo accessorio!

La stessa cosa vale per frontini e bandane. Meglio un bel cappello chiaro o un gran foulard di tessuto bianco acconciato a turbante: assai cool!

Perfetti per il beach style anche cappelli di paglia o rafia colorata.

Le scarpe da ginnastica al mare ci piacciono, ma far respirare i vostri piedi dopo mesi chiusi per il freddo è un atto d’amore!

Pertanto, benvenute le infradito ultrapiatte o sandali bassi di cuoio. Interessanti anche soluzioni con lacci alla schiava, per un beach style comodo e chic.

Curate le vostre zampine, anche con un rinforzante trasparente se non amate lo smalto colorato, ma vogliate loro bene!

Il topless: quale orrore!
Se amate far pascolare i vostri seni per evitare segni bianchi di pelle non abbronzata, è sufficiente prestare un po’ di attenzione durante l’esposizione.

Variate l’altezza dell’allacciatura, spostate ogni tanto le bretelline, acquistate costumi di modelli diversi.

Se invece proprio vi piace il seno abbronzato e non vi interessa ostentare, pazienza, fate pure, siate però consapevoli che non tutti potrebbero gradire e che si tratta di una mise davvero superata.

Legare i capelli è fondamentale per chi, come me, li porta lunghi: non è affatto carino utilizzare sul bagnasciuga le classiche pinze in plastica da bagno!

Ormai si trovano miriadi di fermagli e elastici di ogni colore e materiale a ottimi prezzi, da H&M in primis: oltre ad essere un dettaglio di finezza, vi divertirete ad acconciare le vostre chiome come in città non sempre si può fare!

Apprezzo molto l’utilizzo di collanone sopra all’abito da spiaggia, di stoffa, di corda, di legno, di semi, sicuramente in fibre naturali, mentre non amo eccessivamente i gioielli sulla sabbia. Gradevoli due punti luce alle orecchie, ma anelli, bracciali, colliers brillantati non li trovo per nulla eleganti.

Insomma, il beach style che più mi soffermo ad ammirare è quello della finta semplicità… nulla di eccessivamente sfacciato, nulla di esageratamente elaborato: una ricerca di “Style no style”!

Infine vi prego: proteggete la vostra pelle! I volti peperone sono out, marcano le vostre rughe oltre ad essere davvero poco raffinati!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter