Ricordi stamapati su tela a quadretti

Mio nonno Giovanni che di innata eleganza era dotato,
non rinunciava al pied de pull nemmeno per recarsi al mercato.
Quando la nonna Lilla invitava le amiche per l’ora del tè, lui lasciava tutte a bocca aperta, facendo il suo ingresso con il doppio petto a quadretti e il borsalino sulle ventitre.
Poi in un prematuro autunno inaspettatamente lo vedemmo andare,
dalla sedia accanto al letto rubai un suo abito sartoriale che mi feci sistemare.
Ogni particolare mi parlava di lui, pantaloni ampi, giacca tre bottoni e perfino un gilet
…e sopra il bavero la macchiolina del suo ultimo caffè.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter