Il vizio di un verde pizzo






Se ogni pizzo è già capriccio, il pizzo verde è proprio vizio,
dannunziano, edonistico, sfacciatamente patrizio.

È un gran maleducato e tende a primeggiare esplodendo di egocentrismo,
detesta gli accostamenti, spicca per protagonismo.
Assolutamente primaverile, gioca al limite dell’eleganza,
si accetta solo nei mesi tiepidi, misto al desiderio di rigoglio e baldanza.
È invadente come un occhio su trame di menta non spezzate dall’inverno e in piena ribellione,
come cinguettii da petti non più solo rossi, parchi di città annoiati da quel legnoso marrone.

Per esperienza, svelo che tollera solo il bianco – e pure in piccole dosi – sia vaso, scarpa, borsetta o terrazzo di marmo con vista perfetta.
(Annaffiare al massimo una volta alla settimana per evitare sia fioritura insana che dipendenze o eccessivo subbuglio sull’altra gente).

Immagini da:
Bees like honey, now isn’t that funny
Eye Candy
Masika wa
Pretty Stuff

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter