CogitoCulture

Come tenere lontana la suocera

posted by eva e ady 24 Ottobre 2013 6 Comments

8fd28c7c7a4ad23560e5c579dbd6ab75 copia

Se il nostro ragù – ovviamente – non è mai ragù, ma agglomerato di carne urbana, i nostri figli a passeggio sono cani sciolti e non soldatini in marcia, il lievito delle torte incompreso e i fondi delle pentole color rastrello di spazzacamino e affatto specchio di Biancaneve, mai nulla sarà ai suoi occhi peggiore degli stracci che noi riteniamo stirati e che lei utilizzerebbe (forse) per risciacquare il parquet. Lo sguardo di disapprovazione che geneticamente le cade sui colletti non proprio più bianchi di vostro marito/ (barra) suo figlio è più o meno simile a quello che a noi scivola, per la strada, davanti a un sandalo di collezione sceso magicamente del trenta in una notte soltanto: imbarazzante.

Considerato che il proverbio afferma “impara l’arte e mettila da parte”, con Philips Perfect Care Pure e Aqua potremo diventare artiste dell’appretto anche noi, che da parte tendiamo a mettere solo la lavatrice asciutta, e pure un po’ secca, e che l’unica stiratura che vorremmo veramente vedere è quella sulla nostra testa, dato che il sistema casa/lavoro/famiglia ci ha fatto perdere le già flebili tracce del parrucchiere (Che stia bene? Era un così caro ragazzo…).
Donne antistiraggio, che alla parola “pieghe” abbiamo sempre e solo associato quelle generate da alcune situazioni – terribili per certi toni portati ad eccessiva temperatura – o al massimo quelle perfette di un plissé, autocreato, autoimbellettato, 365 giorni all’anno immacolato, anche noi – dicevamo – renderemo fine merletto anni Cinquanta le nostre tovagliette saccheggiate all’outlet ed acquistate di 452 colori in 4 minuti e 25 secondi.

A tutte noi, Ubiquechic consiglia oggi la visione di questo video con Mara Maionchi in veste di SOS nuora: aggiorniamo la Strega di Biancaneve sulla nostra avvenuta evoluzione in merito al concetto di temperatura costante, fino ad ora unicamente associato alla lontana legge di Boyle (tra l’altro mai imparata) e, in tempi più recenti, agognato per richiamo ad un viaggio in equatore ogni gennaio, quando di costante c’è solo il cappotto abbottonato fino ai denti.

È possibile che, per non incontrare con la pupilla la nuova raggiunta perfezione dei nostri capi che fluttuano (increduli pure loro), la Signora Suocera in causa si accorga già dal prossimo weekend che di bruciato in casa nostra non restano che tre paia di décolletés tacco 10, che di certo porteranno il suo naso a storcersi per altri motivi… ma questa è tutta un’altra storia.

L’immagine di apertura contiene “La stiratrice” di P. Picasso, 1904.

You may also like

6 Comments

sonia 24 Ottobre 2013 at 9:21 am

La mia di suocera è gia’ lontana….e sai che ogni tanto non mi dispiacerebbe affatto portarle un po’ di camicie del figlio da stirare, ne sarebbe felice! Non avendoLa, voglio quel ferro!!

Reply
redhead&blondie 24 Ottobre 2013 at 1:17 pm

post molto carino 🙂 un bacio da mamma e figlia blogger! se ti va guarda il nuovo post sul nostro blog https://redhead-blondie.blogspot.it/2013/10/i-nostri-outfit-proposti-su-stylight.html

Reply
Fabiola 24 Ottobre 2013 at 1:53 pm

A volte le suocere sanno essere terribili! Troppo forte la Maionchi!
Fabiola

wildflower girl
Facebook page

Reply
Silvia 24 Ottobre 2013 at 1:57 pm

… Mi ci vorrebbe proprio!

Reply
Lilli 24 Ottobre 2013 at 2:08 pm

Ciao ragazze, ahah ho visto il video ed anche alcuni altri nel sito della Philips, divertenti!:) Il ferro è efficientissimo, credo farebbe felici parecchie donne/suocere!:) Un bacione!

Reply

Leave a Comment