FashionModa

Mare d’aprile

posted by eva 9 Aprile 2015 2 Comments


01_mare primavera

02_mare primavera

03_mare primavera

La mia amica Cri una volta me l’ha detto: “Io non possiedo nulla e appartengo a tutto. Sono proprietà delle strade che mi ospitano, del vento che le attraversa e mi conduce, degli alberi che mi danno di che respirare, delle onde che da bambina mi hanno insegnano a scavalcare con divertimento perché non mi travolgessero con fastidio”.

Il mare d’aprile è così: non è quello di luglio da cui ricevi la bellezza per l’incarnato, né quello di dicembre a cui doni la tua malinconia perché ne faccia brodo stagionale più salato. È un luogo che ti ospita e che accetti, senza necessità di scambio e con consapevolezza di sufficienza.

È l’hic et nunc che non richiede etichetta sull’invito, simile alla sabbia che entra a contatto con i piedi quando non sei sicura di volerla perché non calzi infradito bensì scarpe con i lacci.
Il mare d’aprile ha il sapore dell’attesa e il retrogusto del quasi finito ed è uno spazio temporale dove fermarsi solo qualche ora, come l’oasi sul cammino del viandante. Lo vedo bene con camicie senza maglioni che sotto non portano ancora il costume, con quei pizzi troppo leggeri a gennaio e appiccicosi a giugno, con i capelli raccolti senza le forcine che anche se scendono fa lo stesso.

Il bagnasciuga d’aprile difficilmente offre la voglia di sdraiarsi. Più spesso accoglie in piedi, asseconda gli abiti stanchi che non stancano mai, scopre le braccia e non le spalle, invoglia a restare anche se sussurra di andare.

04_mare primavera

05_mare primavera

06_mare primavera

07_mare primavera

08_mare primavera

09_mare primavera

10_mare primavera

11_mare primavera

12_mare primavera

You may also like

2 Comments

Alessandra 11 Aprile 2015 at 4:39 pm

Che meraviglia!

Passa a trovarci, ci piacerebbe un tuo parere!

http://www.welovefashion.it

Reply
Thechilicool 12 Aprile 2015 at 7:23 pm

Splendide immagini!
Alessia
THECHILICOOL
FACEBOOK
Kiss

Reply

Leave a Comment