fbpx
FashionModa

Moda donna primavera 2016: Momonì, oltre l’utilizzo e al di là dell’apparenza

posted by eva 11 Marzo 2016 3 Comments


momoni 01

Tutte le volte che una donna compra un abito con una destinazione, lavoro o tempo libero che sia, sono certa che una cellula di uno stilista muoia.

Tutte le volte che sento parlare di “collezioni”, la mia poetica di blogger fuori dalle stagioni e dentro le sensazioni accusa un colpo fortissimo. Nell’armadio e sul fianco destro, sopra o sotto un pantalone è lo stesso.

Tutte le volte che confronto la “moda donna” di una primavera con quella precedente, e con quella prima ancora, rafforzo la mia convinzione che il nuovo non è mai esistito, che il vecchio cambia restando uguale e che chi acquista sull’onda di un termometro che scende o che sale avrà sempre uno stile banale.

Tutte le volte, poi, che passo, entro, compro ed esco da Momonì mi rincuora che anche lì la pensano così. È uno di quesi posti in cui la viscosa va bene a febbraio e la lana leggera a luglio, purché tu riesca a mettere da parte ogni pregiudizio e cogliere un significato estetico personale, quello profondo che ti fa scegliere senza bisogno di abbinare.
Un negozio dove la moda è educata perché le hanno insegnato come comportarsi dappertutto, a Parigi o sulla collina Toscana, nella mattina di Natale e in un pomeriggio qualsiasi, sul divano o al tavolo di un tre stelle Michelin.

Oltre l’utilizzo e al di là dell’apparenza: la moda che piace a me deve illuminare tutti i giorni, essere vestita in ogni dove e non dettare regole. Come a dire che per legarmi deve farsi amare sciolta.

momoni 02
momoni 03
momoni 05

You may also like

3 Comments

Eli 14 Marzo 2016 at 2:36 pm

Siete uno dei miei blog preferiti, dopo avervi letto mi sento più leggera, che bello! Su tante cose concorso, questo è concettualmente uno di quei casi. Il marchio non lo conoscevo, vado a curiosare. Ciao ragazze.

Reply
cuor di leone 17 Marzo 2016 at 9:59 am

Una frase che mi fa venire l’orticaria “quest’anno si usa…” banalitá allo stato puro….

Reply
eva 17 Marzo 2016 at 9:05 pm

Tipo che si dovrebbe rispondere: “Anche quest’anno usa che non hai capito una beata mazza!” 😉 Un abbraccio forte.

Reply

Leave a Comment