FashionModa

Comunicazione della moda: vesti, osserva, descrivi, ama

posted by eva e ady 16 novembre 2016 2 Comments
Comunicazione della moda


comunicazione della moda

Si può parlare di comunicazione della moda attraverso uno scatto apparentemente rubato, una passante che attraversa la strada, un soffio di vento che muove i capelli e che svela una gonna di pizzo sotto il lembo di un cappotto.

È possibile addirittura urlarla attraverso un cartellone pubblicitario ben assestato alla destra di un semaforo; una donna con addosso il vostro vestito che buca gli schemi e i parabrezza che aspettano il là.

Si può pensare di affidarla al passaparola, al cinguettio dei piccioni viaggiatori: “Ho visto passare una ragazza che indossava una gonna a fiori”.

A noi di Ubique la moda piace raccontarla sempre, quotidianamente ed eccezionalmente.

Per noi comunicazione della moda vuol dire interpretare il vestire quotidiano.

Descriverla sia che si tratti del mentre di un giorno qualunque, sia di uno speciale, segnato a calendario come fosse l’Avvento, pianificato in armadio da tempo.

Descritta. A pennellate a volte veloci e con tinte decise, a volte acquerellate, sfumate, sussurrate.

La comunicazione della moda è emozione, è un lieve rossore che accende la faccia bianca di una ragazza all’uscita da scuola, è una vibrazione, uno sfiorarsi le mani per caso, incrociare uno sguardo, rotolarsi giù da una collina.

Guardare la stanza con la testa all’ingiù, tuffarsi col naso tappato, o adesso o mai più.

Regalare un racconto a un capo che vuole essere chiacchierato fa bene alla sua storia. Vesti, osserva, descrivi, ama.

ubique-racconta-la-moda

ubique-racconta-la-moda-2

cop

You may also like

2 Comments

La Pinta 22 novembre 2016 at 8:15 pm

E’ sempre un enorme piacere tornare sul vostro meraviglioso spazio. Qui mi sento a casa, non ricordo neanche come vi scoprii, ne in che anno ma sono sicura che la pensiamo allo stesso modo, ora basterebbe solo incontrarsi dal vivo!! Organizziamo un pomeriggio tra thè e biscottini? 😀
xoxo

Giulia

Reply
eva 23 novembre 2016 at 12:09 am

Giulia! MAGARI! Sìììììì!

Reply

Leave a Comment