Cucina

Preparazione limoncello: la ricetta amalfitana del liquore dell’estate

posted by eva 7 maggio 2018 0 comments
Preparazione limoncello

La ricetta per la preparazione limoncello che utilizzo da sempre è scritta su un pezzo di carta anni ’80, ormai giallo come lo zest di limone appena tagliato.

Proviene da un viaggio in Campania con i miei genitori, e dal taccuino di cucina di mia madre è passato al mio.

Una conversazione sulla spiaggia fece uscire la ricetta segreta del limoncello a quella signora di cui oggi non ci ricordiamo il nome, ma a cui brindiamo ogni estate trascorsa a sorseggiare sul balcone.

Eh sì, Ubiquine, perché io il liquore ai limoni per eccellenza lo faccio ogni anno, guai a saltarne uno, pena dopocena estivi dal sapore industriale che proprio non si può assaggiare.

Intanto per iniziare, sappiate che il limoncello è uno dei prodotti IGP della regione Campania, famoso ed esportato ormai in tutto il mondo.

Perché si possa parlare di limoncello autentico, i limoni devono provenire dalla zona della costiera amalfitana o dall’isola di Capri ed essere, ovviamente, non trattati.

Questi limoni freschi e non trattati sono ricchi di oli essenziali che assicurano alla preparazione limoncello profumo intenso e gusto deciso.

Avete presente quei limoni tra il giallo e il verde, con la buccia spessa e rugosa, oblunghi e che ti verrebbe voglia di mordere? Ecco, quelli.

La preparazione limoncello non deve scendere a patti con la scelta dei limoni: o eccellenti e provenienti dalla zona indicata, o niente.

preparazione limoncello

Ingredienti per la preparazione limoncello

Le dosi daranno circa 2 litri di liquore limoncello, esponenziatele per quantità maggiori!

  • 1 litro di alcol neutro a 96 gradi
  • 8 limoni medio grandi di Sorrento
  • 700/900 gr di zucchero (la quantità varia a seconda delle preferenze: più dolce o più secco?)
  • 1 litro di acqua

Preparazione limoncello

Lavare i limoni sotto l’acqua corrente, spazzolando la buccia con cura, quindi asciugare.

Togliere la buccia con un pelapatate dentato stando attendi di non levare la parte bianca.

Il pelapatate dentato che potete vedere nelle foto è un attrezzo fondamentale perché non solleva la parte bianca e rende la preparazione limoncello veloce e corretta.

preparazione limoncello

Una volta terminato, mettete tutte le scorze di limone a macerare con l’alcol in un luogo a mezza luce e fresco per 20 giorni circa.

Durante questo periodo dovrete agitare il contenitore più volte: la preparazione limoncello passa anche per questa meravigliosa gestualità quotidiana.

Molto più di un antistress: agitare la vostra boccia di limoni e alcol metterà in circolo luoghi, memoria e cielo azzurro.

Più delle maracas, per scuotimento verrete catapultati alle cene tra amici in cui degusterete il vostro liquore limoncello.

Trascorso questo tempo, continuate con la preparazione limoncello dedicandovi allo sciroppo di zucchero.

Portate ad ebollizione l’acqua e unite lo zucchero, mescolando fino al suo completo scioglimento.

Lasciate quindi raffreddare lo sciroppo ottenuto.

Nel mentre, filtrate l’alcol dalle scorze di limone della preparazione limoncello precedente e unitelo allo sciroppo di zucchero.

Io, sul finale, filtro ulteriormente con una garza il limoncello così ottenuto.

Infine, travasate il limoncello nelle bottiglie di vetro (sceglietele trasparenti e belle da morire, mi raccomando!) e lasciatele risposare per un altro mese in un luogo buio e fresco.

Una volta pronto, il limoncello dovrà essere conservato in freezer: la presenza di alcol e zucchero non lo farà mai congelare e vi garantirà di degustarlo ghiacciato!

Il limoncello è un digestivo eccezionale, ma può essere utilizzato anche per bagnare e dare aroma a dolci, frutta e gelati.

Non vi resta che procurarvi gli ingredienti e pensare agli inviti delle ormai prossime sere d’estate.

You may also like

Leave a Comment