Quel cammeo conduttore






Invierei una mail ad Alessandro Masnago, di certo.

Il conseguente incontro sarebbe tecnico, asciutto e inizialmente connesso da due calici dry, laterali e non frontali rispetto alle nostre mani.

Gli commissionerei il mio soggetto con fredda determinazione e tono draconiano, mentre non proferirei verbo in merito a forma e dimensione, di cui avrebbe totale libertà espressiva.

Probabilmente sarebbe una raffigurazione mitologica, da incastonare tra i capelli, con cui spillare una giacca, da far scivolare sopra un jeans molto usurato.
I più lo considererebbero un bellissimo gioiello, senza leggervi semantica, qualcuno si fermerebbe al primo, forse al secondo significato, uno, al massimo due, arriverebbero alla sua essenza.

Sì, un cammeo.
Un cammeo perché mi piace pensare che quel mio monile tanto prezioso prima di essere inciso era solo una superficie costituita da due strati di colori distinti.

Solitamente si tratta di particolari conchiglie, sopra bianche e internamente molto brune.
Le uniche che permettono di isolare nitidamente dal fondo la figura in rilievo.




Immagini da:

Allthedaysordained.tumblr.com
Jongenandmeisje.tumblr.com

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter