Con il cappotto aperto



A Padova è arrivato l’inverno. In dieci ore.

Dev’essere virato il vento, e l’aria, da umida, è diventata in breve tempo gelida. Davvero gelida.
Sono uscita dal supermercato con una busta pesantissima in una mano e con una cassa d’acqua nell’altra.

Sulla spalla la borsa che scivolava, in tasca il telefono che suonava, sull’asfalto le chiavi dell’auto che cadevano e io che cercavo, semplicemente, di chiudermi il cappotto perchè avevo freddo.

Sono accovacciata a terra e cerco di non appoggiare la spesa, di non disancorare la borsa dalla spalla, di non far smettere il telefono di suonare, di non perdere di vista le chiavi e di non lasciare che il freddo s’insinui ulteriormente, quando, in un attimo, una figura di ragazza, evanescente, entra ed esce dal mio campo visivo.

Leggiadra come una gazzella, corre, capelli sciolti, jeans scuri, scarpe di cuoio chiaro e una scia di profumo dietro.
Corre come se fosse in costume sulla spiaggia, ad agosto, a recuperare il suo cappello bianco volato via.
Corre, ma è già inverno, e sorride di un sorriso pazzesco, naturalissimo, del più bel sorriso del mondo.
Corre e si arena alla fine del viale, non sulla sabbia, ma addosso a due braccia spalancate che la accolgono e poi la sollevano, e poi la salutano, e poi le danzano attorno.

Voi ve lo ricordate com’era l’Amore a vent’anni?

L’Amore a vent’anni è come una giostra, che parte quando non te lo aspetti e ti fa girare la testa senza che tu nemmeno te ne accorga.
L’Amore a vent’anni è sbadato, è totalizzante, è ingenuo e maleducato.
L’Amore a vent’anni ti parte dallo stomaco, dai piedi, dalle narici e ti fa credere che tutto sia possibile, anche l’impossibile.

Ti fanno male i capelli, ti fanno male le gambe, ti fanno male i denti, per Amore, a vent’anni.
Ti dimentichi di mangiare, di studiare, di parlare, di ringraziare, per Amore, a vent’anni.
Ti viene sempre da ridere, da svegliarti, da pettinarti, per Amore, a vent’anni.

È a suo modo elegante, l’Amore a vent’anni, perchè ti distingue, ti elegge, ti rende diverso tra la gente.

A vent’Anni, il freddo non lo senti, le stagioni non le differenzi, il raffreddore non lo prendi e puoi correre, anche a fine ottobre, con il cappotto aperto. Aperto spalancato.



Immagini da:
Elle UK, Ottobre 2010
Amica, Ottobre 2010
Elle It, Ottobre 2010
Marie Claire, Settembre 2010

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Ricevi gli ultimi articoli

Abbiamo una Newsletter

No SPAM, solo articoli interessanti