Fluo reminiscenze

Tutta colpa loro se ancora oggi, solo a sentire le prime note di Sweet dreams degli Eurythmics, mi viene fuori una camminata scema.
È colpa loro, se le spalline imbottite delle giacche fanno su di me l’effetto che su di un uomo fanno le imbottiture di un reggiseno, se i leggings li chiamo ancora fuseaux  e se non ho mai più indossato un paio di superga.
È tutta colpa degli anno ’80, perché io li ho vissuti, e visto che li ho vissuti ho il diritto di rinnegarli.
Ma quando sono stata folgorata da questa nuova ondata di colori fluo non mi è venuta sulla faccia l’orticaria, come pensavo che sarebbe accaduto; quando ho visto il giallo, il fucsia, il verde neon, ho pensato all’estate del mio primo bacio, ad un maglione di filo arancio che portavo con i pantaloni capri e le ballerine di gros grain blu, ho pensato alle t-shirt ed ai costumi di quel 1985, a Shout dei Tears for feers, cantata rigorosamente a squarciagola, e mi sono detta che di certo furono anni eccessivi e pacchiani, ma anche gioiosi e colorati.
Di certo è tutta colpa loro, ma forse io li perdono.

Eva ed io annunciamo che il vincitore del give away lagato alla rubrica “Sì, lo vorrei”, scelto applicando il metodo random al blog che ha ricevuto il maggior numero di commenti è Giardigno di “Zen zero guru“, che si aggiudica un cofanetto di prodotti di bellezza.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter