Come indossare le scarpe di cuoio

Come indossare le scarpe di cuoio: se la pelle è naturale

Tra le varie riflessioni di Marianna, come indossare le scarpe di cuoio era il suo secondo pensiero, a dire il vero.

Ahi, quella scarpa.
Vero che il fondo della scarpa le premeva sul tallone, ma era quella adatta. Oh se era adatta. Strideva sul selciato, un 37 scarso quale ago di compasso di tutta la sua esilità. Era cuoio colore della terra, quella scarpa, usurata a occhio e polpastrello sulle pieghe dei passi, e all’interno il movimento era fluido, era il suo, l’aveva modellato nel castigo della sua stessa morsa.

Ahi, quella piazza.

Sanpietrini che Marianna aveva contato uno ad uno con la cartella sulle spalle trent’anni prima, stampati sulle ginocchia con la bicicletta offesa a terra poco più tardi, contenitori inconsapevoli di biancastro riso sul lato della basilica in quel sabato di fiori e maggio, attraversato con fardelli di blocchi di marmoreo latte da lì in avanti.

Ahi, quella musica.

La musica l’aveva sempre salvata, accompagnata, boicottata e Marianna ne ascoltava intere enciclopedie, di proibitive e sempre colpevoli note. Volume per capelli piatti, domati dalla nascita in quel liscio naturale che avrebbe tanto voluto essere riccioluto tango, e per orecchie sottili e troppo attaccate al collo, quasi che l’essere smilze implicasse un filtro uditivo genetico.

Ahi, quel ritmo.
Armonia tra corpo e mente, abbandono di muscoli, associazioni e legamenti, panacea di contrasti, esplosione inconscia e primigenia.

Ahi, quella luna.
Nemmeno quel Dio sapeva quanto subisse l’attrazione fioca, apparentemente fredda della grande sorella bianca. Luce furba, sempre pensava, che placa solo animi già di loro dormienti, e scatena subdolamente viscere insabbiate e predestinate alla rivoluzione.

Ahi, quell’afa.
Caldo scirocco, picchio sulle tempie, mela marcia di follia, avvoltoio di ulteriore fieri nella danza, che più ne hai e più ne vorresti, che aizza fame, sete e vuole grondare, sgravare, trasudare sali minerali e minerali imposizioni.

Ahi, quell’Antonio.
Come scuotevano il capo, Antonio e quel paese di sanpietrini a far finta di non mirarlo in compassionevole e per nulla silenzioso silenzio.

Ahi, quella Marianna in quella sera.
Marianna baccante, Marianna infernale che gli occhi temono e godono, armoniosa, indifferente, cattiva, faziosa, avara, ribelle.

Risucchiata dalla piazza, indossata dalla scarpa, vinta dalla musica, sedotta dall’antichissimo battito, con afa di colla nel palmo destro e luna beffarda nel sinistro…
…mai più Marianna posò su Antonio quello sguardo che sfidava, sfiorava, sfibrava e tra le ciglia sussurrava “O mammà come se fa? Ce dicono de vive da morti e poi resuscità”.

(Verso di chiusura tratto da: “Serenata Lacrimosa”, Alessandro Mannarino)

Come indossare le scarpe di cuoio è una scelta di stile che parte da un battito e dal tipo di pelle che incarni e vuoi incarnare.

Possiamo portarle insieme ad outfit vintage, quelli che la pelle naturale vuole mescolarsi alla storia che hanno dietro e che vorrebbero tanto conoscere meglio.

Chiamano piedi scalzi, senza calze, al massimo un calzino se il look è più sbarazzino.

Come indossare le scarpe di cuoio prescinde dalla stagione, dall’incarnato del piede o dal calzre gonna o pantalone.

Sono adeguate in ogni dove, in qualsiasi quando e elargiscono chic con pochissimo glamour in eccesso, o quasi.

 

 

Immagini da:
Browndresswithwhitedots.tumblr.com
Garancedore.fr
Perricatherine.tumblr.com
Sorakeem.tumblr.com
Theembellishment.tumblr.com
Thegiftsoflife.tumblr.com
Wellanddapper.tumblr.com

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Ricevi gli ultimi articoli

Abbiamo una Newsletter

No SPAM, solo articoli interessanti