Idee picnic

Idee picnic: come organizzare un picnic in città chic e gourmet

Costruire un nuovo contatto con la natura, inventare un’occasione per fuggire dalla città senza allontanarsi troppo, fare il pieno di tutta l’aria aperta che ci è mancata negli ultimi mesi: oggi parliamo di idee picnic perché il picnic è davvero il trend di questa estate.

Idee picnic: come rendere chic anche la convivialità più genuina

Per chi è ancora in città ma ha tanta voglia di buttare i piedi nudi nel parco.

Per chi vuole riunire tutti gli amici insieme rispettando il distanziamento sociale.

Dedicato a tutti coloro che desiderano anticipare i pranzi al sacco che ad agosto faranno in riva al mare: un picnic estivo in qualche area verde urbana è quello che serve.

Novelli newyorkesi alla ricerca del Central Park più vicino, gli italiani si stanno riscoprendo nostalgici del profumo d’erba appena tagliata e con il cestino di vimini sottobraccio escono di casa per un pranzo o un aperitivo tra i prati o lungo i fiumi cittadini.

Sfuggire agli spazi chiusi, però, per molti non significa permettere alla semplicità di spazzare via la raffinatezza e organizzare un pasto all’aperto è una piccola trasgressione che non deve privarsi di un tocco gourmet.

Idee picnic: cosa mettere nel cestino per la scampagnata urbana?

Optate per una tovaglia leggera e ampia, capace di ospitare le pietanze ma anche chi non desidera accomodarsi direttamente sull’erba, possibilmente chiara, per notare subito eventuali piccoli insetti.

Posate sì o posate no? Dipende dal menu che avete ipotizzato, anche se il periodo post-COVID19 suggerisce di evitare del tutto il contatto diretto con le mani.

Via libera a forchette e coltelli di casa oppure a posate biodegradabili o stuzzicadenti, perfetti anche per il più classico dei finger food.

La scelta dei bicchieri dipende molto da cosa berrete: io personalmente non amo sorseggiare vino dai bicchieri di carta, ma andranno molto bene in caso di un pranzo con bambini o bibite analcoliche.

Non scordate i tovaglioli usa e getta, il gel mani e la buona educazione, da avere sempre, soprattutto nelle aree pubbliche, la stessa che manteneva la Regina Maria Antonietta, appassionata di scampagnate nei prati che circondavano Versailles.

Idee picnic: la scelta dei menu per il periodo estivo

Letteralmente il termine picnic (da “pique”, prendere, e “nique”, piccola cosa) indica pasti frugali, quell’a spizzichi e bocconi tra una chiacchiera, un riposino all’ombra di un gelso, un tiro al pallone.

Per intenderci, bandito l’arrosto del giorno prima, le zuppe (ho visto cose che voi umani…), e tutte le pietanze troppo condite e scomode da degustare, che trasformerebbero un pasto buono e light in una situazione difficile da digerire, in tutti i sensi.

Paste fredde, formaggi stagionati, insalate di riso o di farro a base di verdure cotte a vapore, e soprattutto tanta frutta, alleata di qualsiasi picnic perché fresca, gustosa, trasversale.

La scorsa settimana ho organizzato un piccolo aperitivo al Parco Nord di Milano, 640 ettari di green metropolitano dove staccare la spina con la vita frenetica della città e ristorarsi.

Il mio è stato un green cocktail all’ora del tramonto a base di vino rosé e cocco FrescoSenso, confezionato e già tagliato a pezzi: igienico, pratico, buono.

Le note intense e rinfrescanti del cocco, il frutto dell’estate per eccellenza, mescolate a quelle più leggere e profumate del vino rosato e ghiacciato hanno dato un tocco esotico e gourmet al mio aperitivo semplice e pianificato all’ultimo momento.

Qualche ora di benessere inaspettato dentro a un vero e proprio altrove: un’atmosfera fuori dal tempo e dal luogo in cui mi trovavo, gusto sincero da sgranocchiare e luce vivida e verde che filtrava dai rami.

Idee picnic: come gustare il cocco nei picnic?

Tipica dei litorali caldi dei mari dei tropici, la noce di cocco aggiungerà un sapore “vacanziero” a tutti i picnic che vorrete organizzare, non solo a quelli dell’ora dell’aperitivo.

Cocco bello, cocco buono: siamo italiani, ci piace altresì degustare pezzi di gioia nei momenti di libertà!

Eccellente da solo, il cocco a pezzi può essere unito all’ultimo momento in un’insalata verde con carote grattugiate, ipotizzata per un pranzo, ed esaltato da lime spremuto e qualche spezia.

Buonissimo e veloce anche ridotto a scaglie e sparpagliato sopra bocconcini di pollo al curry, preparati a casa e mangiati a temperatura ambiente.

Dal sapore decisamente orientale, il cocco sprigiona il meglio di sé abbinato a menta e rum, per una macedonia leggermente alcolica di fine pasto in mezzo a un bosco di betulle che vi sembrerà Copacabana!

Sappiate, inoltre, che l’alta concentrazione di sali minerali come calcio, sodio, fosforo, potassio, magnesio, ferro e rame fanno del cocco un utile integratore, alleato negli afosi giorni di un’estate di città.

Per chi l’estate vuole sentirsela davvero addosso ovunque, come cantava Jovanotti qualche luglio fa, il cocco è una delle idee picnic più azzeccate, allegro per definizione, fornito di summer soul per istinto naturale.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Ricevi gli ultimi articoli

Ubique Newsletter

Articoli e idee di lifestyle, ricette, scarpe, viaggi, qualcosa sull’amore, sugli uomini e il bla bla bla.

#NoSpam #NoFake