Lato nord

01dalani02dalani03dalanidalani

I ricordi di viaggio io me li porto sulla pelle, non acquisto souvenir, non porto via sassi dalla spiaggia o posacenere dagli alberghi. Confesso che ci sono stati momenti in cui avrei voluto lasciare la samsonite in albergo e tentare di far passare al check-in un baule cinese della dinastina dei Ming o varcare il metal detector con un cesto berbero poggiato sulla testa come cappello, ma esistono modi più semplici per ricreare dentro casa le atmosfere di un viaggio, portare un angolo di Svezia nella camera da letto, uno scorcio di Finlandia nel bel mezzo del soggiorno.

Lasciarsi ispirare da Dalani, ad esempio e trovarsi a desiderare una panton chair rossa con la stessa bramosità con la quale desideriamo un paio di louboutin. Perché arredare significa vestire la casa e vestire significa esteriorizzare ciò che siamo.

Oggi mi lascio ispirare dal design nordico, dipingo di bianco le pareti e indosso qualcosa di essenziale, scelgo tessuti naturali e linee minimali, porto tra le mie cose ciò che ho respirato per le strade di Copenaghen e di Malmo, apro un cassetto e dentro una sottoveste di lino ritrovo i volti delle ragazze di Stoccolma: bellezza autentica, attitudine alla grazia portando addosso quasi niente.
È questo che colleziono dei miei viaggi, non palle di vetro o barchette rinchiuse dentro bottiglie ma ispirazioni da ricreare al mio ritorno dentro stanze da rimodernare o vecchi abiti di seta cruda da abbinare a gioielli d’oro sottili come fili di cotone.

Portiamoci via nuovi orizzonti, pelle di ebano o il bagliore di certi tramonti, e quando il ricordo sarà svanito sarà il momento di progettare un altro viaggio.

Abiti e accessori Maison Margiela

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Ricevi gli ultimi articoli

Abbiamo una Newsletter

No SPAM, solo articoli interessanti