Leggi e calza n. 5


tumblr_m2andqyMOW1r6bre1o1_500 copia
“Dormite sodo, stronzi!”

È un urlo a squarciagola nel cuore della notte, un addio disperato e liberatorio, quello di Holden Caulfield ai suoi compagni di scuola.
Perchè ci sono romanzi che non narrano semplicemente una storia ma indagano uno stato d’animo.

Il Giovane Holden è il romanzo di formazione più famoso al mondo, narra la storia di un sedicenne espulso da scuola che si reca a New York dove vive la sua famiglia, ancora all’oscuro della vicenda.
Due giorni densi e intensi, ricchi di personaggi, di sentimenti.
È Phoebe Caulfield il personaggio femminile più importante della storia, una mentore di soli 10 anni.

“Ad ogni modo entrai nella camera di D.B., piano da morire, e accesi la lampada sulla scrivania. La vecchia Phoebe non si svegliò nemmeno. Dopo aver acceso la luce eccetera eccetera, me ne restai per un po’ a guardarla. Stava li addormentata, col viso quasi sull’orlo del cuscino. Aveva la bocca semiaperta. È buffo. Prendete gli adulti, sono brutti forte quando dormono e se ne stanno là con la bocca aperta, ma i bambini no. I bambini non c’è niente da ridire. Magari hanno anche sbavato tutto il cuscino, ma non c’è niente da ridire lo stesso.”

La immaginiamo oggi Phoebe, in una innevata giornata di dicembre passeggiare al Central Park, saltare su una giostra al volo cercando il suo cavalluccio preferito, con ai piedi un paio di Hunter rosso ciliegia e rispondere con la sua “saggezza infantile” agli improbabili interrogativi dell’adolescenza. Lo saprebbe lei di certo, dove finiscono d’inverno le anatre di Central Park quando il lago gela.

“Ci passa mai vicino allo stagno di Central Park? Giù vicino a Central Park South? – Al cosai – Allo stagno. Quel laghetto, cos’è, che c’è laggiù. Dove ci sono le anitre, sa?
– Sì, e allora? – Be’, sa le anitre che ci nuotano dentro? In primavera ec­cetera eccetera? Che per caso sa dove vanno d’inverno? – Dove vanno chi? – Le anitre. Lei lo sa, per caso?…”

Il libro:
The Catcher in the Rye – Il Giovane Holden;
di J.D. Salinger 1951;

Le scarpe: Hunter boot kids

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Ricevi gli ultimi articoli

Ubique Newsletter

Articoli e idee di lifestyle, ricette, scarpe, viaggi, qualcosa sull’amore, sugli uomini e il bla bla bla.

#NoSpam #NoFake