Pranzo al sacco





Bisogna fare attenzione, in quelle giornate.

Quelle in cui non c’è tempo neppure per accostare l’auto e scendere ad acquistare il pane, figuriamoci di mangiarlo.
Le mattine dall’unico odore, frutto di caffè, dentifricio e crema da corpo che si mescolano, generando nuove fragranze, perché bevi, lavi e spalmi all’unisono.
Le stesse delle chiavi smarrite, della scrivania a calamita, dei semafori rossi, delle punte dei piedi in fermento, che non vorrebbero trovare il pedale del freno tra quelli a disposizione.
Vero anche che, tendenzialmente, sono proprio i giorni in cui ti accorgi di aver fatto tutto, anche più del dovuto o dell’immaginato, o dello sperato.

Di norma, quelle giornate si tuffano dentro a serate incredibilmente perfette, imbastite da quel miracolo chiamato fantasia e che ti strappano pure un sorriso nel momento in cui porti in tavola un sacchetto e ti trovi a provare a sgranocchiare un rossetto.




Immagini da:
Daydreamer0207.tumblr.com
Prettystuff.tumblr.com

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Ricevi gli ultimi articoli

Abbiamo una Newsletter

No SPAM, solo articoli interessanti