Sughero, mon Amour






Tappi stappati, da stappare o che mai verranno stappati.
Bottiglie bevute, inscatolate, ricevute, conservate o non apprezzate.

La nostra casa brulica di sughero.
A volte credo che ci siano dei nidi nascosti in qualche anfratto dove si moltiplicano inconsapevolmente centinaia di turaccioli.

Non mai cestinato un tappo in tutta la mia vita.

Credo che la ragione di questa tenace conservazione sia riscontrabile nella grande simpatia che ho per il sughero, materiale naturale la cui estrazione non danneggia le meravigliose querce d’origine.

Da bambina, avevo una lavagnetta rettangolare vicino al letto su cui appendevo tutti i miei disegni colorati o i ritagli che meticolosamente selezionavo dal Corrierino dei Piccoli.
Ricordo ancora vividamente il piacere che provavano i miei polpastrelli quando spingevano le puntine da disegno rosse per conquistare il cuore di quella resistente morbidezza color nocciola, e immagino che sia questo il motivo che oggi mi conduce a conservare i tappi.

Lancio un tappo nell’acqua ogni volta che lesso il polipo, per rendere più tenera la sua carne, ma non è sufficiente questo utilizzo per gestirne l’eccesso.
Il maxi flûte della quarta immagine è mio, ma non è l’unico contenitore sparso tra le mensole e i ripiani di molte stanze.

Oggi, allora, qualche idea per non gettare via il nostro amico sughero, per riciclarlo e renderlo ancora più naturalmente chic.

Io, ovviamente, inizierò con la creazione di una lavagna per i notes da affiggere in cucina.

Le puntine rosse le ho già acquistate.






Immagini da:
Eva’s Home
Craftynest.com
Crushculdesac.tumblr.com
Ecoblog.it
Ricicla.mastertopforum.biz
Biancifiore.blogspot.com
Terraemadre.com
Pensatoperloro.blogspot.com

23 commenti su “Sughero, mon Amour”

  1. MA quante belle idee…la lavagnetta mi ispira, mi sa che partirà il riciclo del sughero!
    Le querce da sughero le ho viste in Sardegna, un bosco intero bellissimo!

  2. Stupenda idea, stupendo post, stupende foto, giusto riciclare. Sono un patito di tappi e bottiglie (in particolare del loro contenuto). Qualche natale fa ho visto in un bar un alberello di natale con i tappi al posto delle palline.

  3. Voto, ghirlanda, quadro artistico, ma il posa pentole calde è stupendo.

    Peccato che tante bottiglie oggi abbiano quei finti tappi, anche quelle di qualità decente.

    I vini di alto lignaggio solo sughero, ma quello schifo di materia sostitutiva, dilaga-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping Cart
Torna su