Truccarsi dentro e fuori






Davanti allo specchio del bagno è un piacere, sezionata in quello retrovisore un dovere.

Mai avrei pensato di sperare in un rosso e tanto meno di fermarmi ad un arancione,
ma da quando mi trucco in auto il traffico non è più la mia ossessione.
Passi l’ombretto sull’indice con la seconda ingranata,
per il rimmel accetto pure una terza rapida e in scivolata,
se però è il turno dell’eyeliner… la folle è marcia obbligata.
Rossetti a ridosso del cambio e correttori nel portaoggetti,
peccato che al posto del sedile laterale non ci sian due rubinetti.
Salgo in auto sotto casa fiammiferaia color mozzarella,
ci scendo sotto ufficio che potrei solcar una passerella.
La signora sul lato destro scuote la testa contrariata,
la bimba su quello sinistro osserva affascinata.
Pattuglie di turno mi han spesso il sorteggio evitato,
blush e non libretto avrei probabilmente loro consegnato.

Il make-up, si sa, è abilità sottile e consumata,
ma sapersi truccare sia dentro che fuori è vera arte conclamata.





Immagini da:
Prettystuff.tumblr.com
Sorakeem.tumblr.com
Suis-jecute.tumblr.com

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter