C’è chi li chiama solo vestiti





C’è chi li chiama solo vestiti.
Chissà, forse non si è mai accorto come la materia di un pantalone morbido misto cachemire si staglia naturale sul sedile di un autobus, ad esempio, o forse l’autobus non l’ha mai preso.
Forse non gli è nemmeno mai interessato prestare attenzione al modo in cui una gonna possa spiccare per altorilievo o bassorilievo, a seconda del movimento del bacino, a come alcuni tessuti siano più rigidi e ostili alle grinze, simili al marmo, e altri si adattino meglio alle forme di un corpo, nemmeno fossero argilla.

Ruches libertine da sfondi d’abiti troppo conformisti, pieghe più o meno volute che modellano sagome, personalizzandole su portamento, trasformandole in materia viva.
Stoffe grezze che aspettano solo di essere atteggiate, vissute, assemblate all’estro di movenze insolite.
Guanti che oltre a coprire mozzano, esaltando la fisicità di un polso, gambe che si accavallano e tubini che ne inseguono la linea, schiene che si voltano e camicie inamidate che conducono il loro stampo al limite della comune vestibilità.

Indossate, fluttuate, generate la vostra migliore posa e il prodotto finale che andrete a scolpire sarà tridimensionalità a passeggio.
Cuciture addizionate a soggettività.
Vive.
Neanche dovessero parlare.

18 commenti su “C’è chi li chiama solo vestiti”

  1. c’è chi le chiama solo parole :

    Una giovane ha appena accavallato le gambe
    E il poeta spera che il vento sia suo complice.
    sorveglia irrispettosamente l’orlo del vestito,
    l’unica strada verso la felicità.
    -Alexis Diaz Pimienta

  2. 301 Moved Permanently I was suggested this web site by my cousin. I’m not sure whether this post is written by him as no one else know such detailed about my difficulty. You are wonderful! Thanks! your article about 301 Moved PermanentlyBest Regards SchaadAndy

I commenti sono chiusi.

Shopping Cart
Torna su