Portami al mercato




Se potessi decidere un luogo dove farmi corteggiare non gli direi “domani portami al mare”.

“Portami al mercato” gli sussurrerei, in uno di quelli a cielo aperto dove non puoi trovare niente che non sia di stagione, dove arance e pomodori a grappolo flirtano con vibrante passione sopra banchi di legno addobbati con foglie di cavolfiore. Portami al mercato, tra la gente vera, quella che le pere mature le riconosce dall’odore, la freschezza del pesce da come brilla l’occhio e il pane buono da come scrocchia. Portami al Vasto, alla Vucciria, a Campo de’ fiori, e mentre passeggiamo stretti stretti tra le bancarelle, fai il galantuomo e comprami un mazzo di ravanelli.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter