Scarpe primavera 2015: giorno effetto sera

Valentino + Chloé
Valentino + Chloé
Just Cavalli + Isabel Marant
Just Cavalli + Isabel Marant

A primavera capita spesso di uscire il mattino presto e rincasare a tarda sera.
Ci prende un’insaziabile voglia di aria che va dal naso ai piedi e che non ci lascia tregua. Le passeggiate post lavoro si fanno più fitte, gli aperitivi allungano i primi piedi all’aperto e le ore si spingono ogni giorno un po’ più in là, oltre il buio di un tardo pomeriggio sempre più chiaro.

Siamo timidi germogli, niente di più simile alle piante di marzo in libera uscita dal torpore di una serra o dal ghiaccio ormai sciolto di una strada.

Abbiamo bisogno di soluzioni uniche, come scarpe che ci conducano in continuità dal cappuccino delle otto fino al prosecco delle venti, adatte per qualsiasi tipo di riunione, comode per spingere un carrello, per supportare un’ora di shopping o per uscire da un vivaio con boschi nuovi per le nostre terrazze.

Non c’è più tempo per avere tempo, solo il tempo di andare, di fare, annusare, guardare e camminare e guai a chi passa per casa per doversi cambiare.
Ecco alcune idee per chi deve scegliere nuove scarpe per la primavera: passepartout per ogni ora, impeccabili per il giorno ma con addosso già dall’alba un appropriato effetto sera.

Scarpe primavera 2015: giorno effetto sera
prima immagine: Valentino + Chloé
seconda immagine: Just Cavalli + Isabel Marant
terza immagine: Pedro Garcia + Dolce & Gabbana
quarta immagine: Jimmy Choo + Rochas
quinta immagine: Altuzarra + Etro

Pedro Garcia + Dolce & Gabbana
Pedro Garcia + Dolce & Gabbana
Jimmy Choo + Rochas
Jimmy Choo + Rochas
Altuzarra + Etro
Altuzarra + Etro

2 commenti su “Scarpe primavera 2015: giorno effetto sera”

  1. Carissime, dopo aver letto le vostre parole, che per altro mi hanno fatto guadagnare 5 centimetri in altezza senza ausilio di zeppa alcuna (grazie, ma non credo di meritare tanto ) , continuo con l’azzardo del rosa e scelgo ….Pedro Garcia !!!!! Anche i sandali di Etro’ sono molto belli, ma con quel tacco e senza ausilio di stampelle, avrei un’autonomia motoria di mezzora o poco piu’… (qui e’ proprio il caso di arrendersi !!!) Baci Dani

  2. Mai arrendersi! Piuttosto l’Etro ai piedi e il buon pedro in borsetta per il cambio! Un bacio cara Dani, buona primavera che avanza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping Cart
Torna su