@home

Ho creduto che scovare la scarpa da ufficio perfetta, né alta né bassa né scura né chiara, fosse in assoluto la missione di shopping impossibile fino a quando non sono incappata nella ricerca della “pantofola che non c’è”, l’isola di soddisfazione personale dell’inverno domestico.

Puoi decidere se cedere al primo zoccolo rivestito per l’occasione stagionale, e portare così a casa uno sconosciuto decisamente rumoroso e affatto caldo, se abbandonarti a cifre a tre zeri per ciabatte griffate e indifferenti, che non saranno mai davvero tue e ti causeranno vesciche stando ferma sul divano, oppure se provare strade meno battute, dove l’etichetta non sempre è presente ma la lavorazione è artigianale, le sagome avvolgono e il benessere è autentico.

Puoi lasciarti conquistare dal feltro tirolese cucito a mano, quello che anche il gatto di casa appezzerà ad ogni morso per l’odore dei pascoli alpini nascosti tra le fibre, o essere rapita dal cuoio sottile di certe creazioni di design spagnolo, passione da scivolare a passi lenti e sinuosi tra il letto e la vasca da bagno. Puoi anche fingere di trovarti sganciata dentro a un inverno gelido e polare, uno di quelli che sembra non passare mai e che non esiste più, farcito di pelo, bombato di cachemire e scamosciato sul finale.

Se incarni il ruolo della professionista della ciabatta, una di quelle che fa stile in casa con ciò che già possiede, arrangiandolo a seconda del giorno e devolvendo il budget pantofola a 10 sacchetti di caramelle mou per poltrona, coperta e film (che finirai per guardare a piedi nudi), ti lascerai condurre da ballerine leggere fatte di materiale eco, calzerotti crochet con suola e sandali estivi da riempire con i calzini dell’epifania: un tripudio di improvvisazione casereccia dal gusto tradizional-innovativo.

In un mondo che sta prendendo strutture strane, dove l’atteggiamento sembra compromesso, l’armonia sconvolta e l’interiorità vacilla, che almeno in casa possa avere forma di pantofola, istinitivamente rotondo, lineare per nascita, comodo per definizione e istigatore di percorsi cucina-soggiorno spensierati, affidabili, naturali.

prima immagine: Nomadic State Of Mind Slide Sandal
seconda immagine: ConPiel
terza immagine: kadabrosfelt
quarta immagine: three bird nest
quinta immagine: Minnetonka Chesney Slipper
sesta immagine: kathrynivy
settima immagine: Eco Chic Handmade Vegan Ballet Flats

02_conpiel

03_kadabrosfelt

04_threebirdnest

05_Minnetonka Chesney

06_kathrynivy

07_Eco Chic Handmade Vegan Ballet Flats

2 commenti su “@home”

  1. Per me trovare una pantofola comoda e carina è una specie di mission impossible.
    Al momento non ci sono ancora riuscita.
    Queste sono carine e simpatiche ma le più belle per me sono le ultime, anche se non ho capito dove si possono acquistare.
    Ciao
    Alessia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su