Vanità, decisamente il mio peccato preferito



Prima di rincontrami era caduta nel baratro delle scarpe basse, nell’abisso dell’orlo oltre il ginocchio.

Quando ci siamo riviste ha compreso che “un altro spacco è possibile”, che l’unica cosa che deve stare sotto il ginocchio è il bordo dello stivale, gambale aderente, tacco 12; che “Io sono mia” non significa “nessun altro mi piglia”.

Le ho fatto comprendere che i colpi di sole non li prendi solo d’estate sotto i 40 e che le calze color carne vanno bene solo se devi rapinare una gioielleria.

Vanità, decisamente il mio peccato preferito.

Photographer: Camilla Akrans
Model: Bianca Balti

27 commenti su “Vanità, decisamente il mio peccato preferito”

  1. Vanitá…. peccato preferito anche per me…

    carissima sai cosa? dovresti venire a trovarmi nella strada dove abito OGNI SERA accade qualcosa di strano:-))) verso le sette di sera arriva prima una golf con un uomo dentro, spegne l´auto attende in macchina, dopo cinque minute arriva una fiat punto blu… guida una donna.. parcheggia sul marciappiede di fronte… esce dalla macchina e si infila dentro la golf… spariscono e cosí ogni giorno. Ieri ho pensato a té… dovresti venire:-))) bacione!

  2. Foto molto forti, soprattutto la prima con la corona di spine; e l’ultima…al limite della censura, secondo me.
    Carina la storia di punto e golf; chissà a che punto è fatto questo golf…

  3. ….aiuto, se non fosse per le calze color carne e per i colpi di sole che non mi appartengono, avrei detto proprio che ti riferivi a me!! Ma in fondo credo che un po’ ti sei ispirata al mio ritorno felice al tacco!!…ma ero terrorizzata da una nuova ingessatura al piede!!…ah…no no…neanche l’orlo sotto il ginocchio mi appartiene…pfhiù…dai che non ti riferivi a me…comunque grazie per avermi riaperto al magico mondo del tacco 12!!

  4. @ St,rimedia come puoi ma rimedia, le calze in tutte le nuance del naturale vanno abolite. sono un tragico errore, consentite solo se soffri di insufficienza venosa, quelle a compressione graduata, intendo. se non puoi optare per una calza nera o colorata perchè l’outfit non lo consente, dovrai fare a meno delle calze…o fare a meno del consiglio, ma questo non te lo consiglio.

  5. …sempre grande ady…ma allora ero proprio io la protagonista di questo post…sì sì…anche il mio andare a messa la domenica…cavolo come sono importante!!! Purtroppo, prima di accettare il tuo consiglio di abolire le nuances vicine al color carne dovrei prima passare per l’angiologo per sopprimere quei vanitosi e prepotenti capillari schiattati!! …poi lo sai io e i dogmi sull’estetica non siamo mai andati d’accordo!!…

  6. Ciao bella!
    anche a me viene da ridere: la mia sedia era pure bianca qualche tempo fa! poi mia madre ha deciso di farla tingere, ma io la preferivo bianca, come la tua!
    grazie per la visitina! 😉
    a prestoooooo!

  7. anch’io come te ero caduta nel baratro, catturata dalla rassegnazione, spenta, brutta. Ho riacceso la luce , sono salita su un paio di tacchi e tirato fuori le mie gambe….finalmente sono tornata a splendere….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping Cart
Torna su