Venti per due

Sempre un passo avanti alle altre eppure io in perenne attesa, di vederti spuntare all’orizzonte ed approvare il tuo aspetto col mio solito sguardo d’ intesa.
Rincorri la vita senza fiatone, come un bambino rincorre un aquilone. Sei giunta ai  tuoi quaranta senza alcuna preoccupazione, perché per te quaranta è solo il doppio di venti e per tornar ragazza basta una semplice divisione. E tu sottrai, moltiplichi dividi a seconda del caso e della necessità, riesci sempre a far quadrare il cerchio con incredibile abilità.

Tu che sei:

Lo charme espresso in un dettaglio, mai sbagliato mai banale perché come dici sempre “mai nessun nero è uguale”.

Quel tuo modo di fare, sempre schietto a volte crudo, perché “il tuo zainetto delle cose non dette deve essere sempre vuoto”.

La rettitudine morale, il senso etico, che nel rapporto con gli altri ti fa stare sempre a credito.

Il gusto nel vestire, la tua eleganza plateale, le tue open toe tacco sedici indossate persino per andare in tribunale (con venti piani a piedi da scalare).
L’allegria che ti pervade davanti ai fornelli, mani in pasta e unghia laccate, e il grembiulino sopra la gonna di Moschino.

L’abbinamento sempre perfetto, di colore, di gusto…di parole sempre dette al momento giusto.

A Donatella, ai tuoi venti per due, aspettami che sto arrivando.

immagini via: notetosarah.tumblr.com, browndresswithwhitedots.tumblr.com, jeanetteangel.tumblr.com/

20 commenti su “Venti per due”

  1. Mi è piaciuto il concetto di sottrarre, moltiplicare e dividere a seconda del caso, non so chi sia Donatella ma le hai dedicato un bellissimo post!
    Buona serata cara!

    1. Quarant’anni non sono poi molti.
      Età importante, però, per una donna e a mio avviso, forse la più piena, quella in cui una donna sa cosa vuole e come ottenerlo, niente più tentennamenti come accade in età giovanissima, in cui tutto è ancora scoperta e rivelazione del mondo dei rapporti, dei sentimenti del sesso.
      A 40 anni una donna è, o almeno dovrebbe essere, assolutamente consapevole di se stessa del suo valore e delle sue doti, di come evidenziare ciò che ha di bello e pregevole e, perfino, riuscire a tramutare gli inevitabili difetti in “particolarità”.

      A 20 anni una donna è una caramella, a 40 una intera tavola imbandita.
      W le quarantenni :))))))

      Auguri a Donatella e a te una carrettata di baci
      Marilena
      P.S. Ed ha assolutamente ragione quando dice “mai nessun nero è uguale”.

  2. Ti adoro, grazie! Il mio sacchetto delle cose non dette oggi e’ pieno di emozioni che non riescono a prendere la forma giusta per esprimere l’affetto che mi lega a te! Donatella

I commenti sono chiusi.

Shopping Cart
Torna su